think_logo.jpg (2465 byte)

 

 

 

Pubblicazione integrata
in Olympian's news

abbonarsi ad O.n.

Abbiamo iniziato una nuova collaborazione anche con la I.A.R.T., e penso che questo genere di articoli su alimentazione e allenamento saranno di vostro gradimento.
La I.A.R.T. è l'acronimo di International Association of Resistance Trainers, ed è stata fondata nel 1995 per contrastare continue pratiche e metodologie di allenamento erronee condotte da vari organismi di certificazione. Dal momento che lo sport è considerato come uno stress, la I.A.R.T. crede che l'allenamento dovrebbe essere prescritto in misura controllata dose/risposta, sempre in accordo con la tolleranza e gli obiettivi del singolo. In altre parole, è meglio scoprire di quanto esercizio fisico una persona necessita e non di quanto essa è capace di tollerarne quanto è necessario per stimolare la crescita e non sovrastimolare al punto di atrofizzarsi per eccessivo uso. Attualmente, la I.A.R.T. è l'unica organizzazione che utilizza test ed analisi per scoprire l'appropriata misura per l'esercizio fisico e per risolverne i problemi correlati. La I.A.R.T. certifica quindi allenatori basandosi sulla teoria dell'esercizio prescritto (Theory of Prescribed Exercise(tm)) inoltre certifica specialisti dei traumi da esercizio fisico e specialisti sulla nutrizione.

PDF Downloads:
La Scientza Dell'Esercizio Fisico Resa Semplice
Black Iron Strength
Eccellenza Tecnica - Solleramento Sulle Punte Dei Piedi; Solleramento Sulle Punte da Seduti
Eccellenza Tecnica - SQUAT
Eccellenza Tecnica - SQUAT FRONTALE & PRESSA PER LE GAMBE
Eccellenza Tecnica - HACK SQUAT & LEG EXTENSION
Eccellenza Tecnica - LUNGE & LEG CURL
Proteina della Soia: Panacea o Veleno
L'identita della Forza
Allenamento ad alta intensità e controllo del peso
La paranoia per le proteine
Propr Motor ; Propr Motor 2

La scienza dell'esercizio fisico resa semplice
Massimizzare il potenziale aerobico
Il mito dell'aerobica
Allenamento per la forza per teen-ager
Eccellenza tecnica
Eccellenza tecnica
La paranoia per le proteine: cosa c'è da temere